• Data: 7 aprile 2021


Modalità: riunione


Supporti: testo e dati questionario molestie


Presenti in sede: Raffaella, Vanessa, Laura, Milena, Martina


Presenti online: Sara e Paolo


Diario dell’incontro: SCHEDE MOLESTE, PRESENTAZIONE GRUPPO P.O.


Nell’incontro odierno il tema fissato della discussione verteva sul format e sulla formulazione del questionario per riscontrare eventuale molestie di cui i volontari volessero parlare, in maniera anonima o non, al gruppo P.O.

A proposito di questa iniziativa è stata proposta su gruppo whatsapp un possibile modello.

La proposta emersa era di porre in sala formazione una cassetta in cui ognuno poteva porre la propria scheda compilata; quest’ultima verrebbe poi controllata con una frequenza fissa ( una volta al mese?) e poi verrebbero pubblicate le risposte alle questioni/esperienze raccontate in tali schede, in modo tale che il volontario potesse leggerle.

Un altro punto importante è stato quello di far conoscere il lavoro ed i temi del gruppo PO al resto dell’associazione, come momento utile a tal fine si è proposto la prossima riunione volontari (data 25/5/2021). In questo contesto lo scopo dell’intervento del gruppo PO sarà quello di presentare un’analisi dei dati con l’intenzione di poter far riflettere sulle tematiche che essi presentavano.


In tal senso si è proposta l’idea di fare delle slide (10 circa) da presentare ai partecipanti della riunione, con una o entrambe delle seguenti strategie:


⁃ In sede o presentando lo schermo, cosi che tutti le vedano
⁃ Da inviare sul gruppo così che tutti le abbiano a disposizione


Infine ci sarà un momento in cui ognuno sarà libero di esporre argomenti che secondo lui questo gruppo potrebbe poter sviluppare.


È emersa anche l’idea di proporre le quote nell’ambito del Comitato Disciplinare, dopo aver attentamente vagliato la composizione, in termini di genere, degli scorsi comitati.


Inoltre è stata fatta presente anche la possibilità del raddoppio dei rappresentati dei volontari, individuando sia una figura maschile che una femminile, cosi che le esigenze di entrambi i generi possano essere più correttamente prese a carico, senza una possibile svalutazione legata al genere del rappresentante.

Ridefiniremo queste proposte nella prossima riunione.


Prossima riunione 21/04